Rassegna Stampa Gennaio – Febbraio 2013

Internazionale

L’Europa vicina ad un accordo sul bilancio

08 Febbraio 2013

L’8 Febbraio il presidente del consiglio europeo Herman Van Rompuy ha dichiarato, dopo trattative durate tutta la notte, di aver raggiunto un accordo su una bozza che sarà lo scheletro del bilancio comunitario per il periodo 2014-2020. La nuova proposta prevede tagli considerevoli rispetto al progetto presentato a Novembre, un successo per paesi come il Regno Unito, che manifestavano da tempo la volontà di ridurre le spese.

 

ANSA

Euro e spread, la crisi che ancora non passa

05 febbraio 2013

La tensione sui mercati sale di nuovo a causa delle prospettive elettorali in Italia. Berlusconi replica che la borsa è in discesa a causa dello scandalo del Monte dei Paschi di Siena, mentre Mario Monti critica fortemente la promessa dell’ex-premier di restituire ai cittadini l’IMU versata.

Riguardo alla Spagna, l’ FMI riconosce notevoli progressi ma segnala il perdurare di forti rischi per economia e finanza.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2013/02/05/5-2-timori-voto-banche-torna-paura-borsa_8191648.html

 

Il Sole 24 Ore

Europa del Sud più competitiva

05 Febbraio 2013

Grecia, Portogallo e Spagna stanno finalmente recuperando competitività. E’ quanto ha rilevato il report realizzato dal Conference Board. Le esportazioni stanno crescendo ed è forse l’unica via che Grecia, Portogallo e Spagna possono oggi percorrere per combattere la recessione. Non migliora significativamente la disoccupazione e molto c’è ancora da fare per quanto riguarda i salari.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-02-05/europa-competitiva-063854.shtml?uuid=AbFOKHRH

 

Il Sole 24 Ore

 

UE: Nuove regole per combattere il riciclaggio di denaro

4 Febbraio 2013

In una fase in cui i gruppi terroristici utilizzano strumenti sempre più sofisticati per finanziare le proprie attività occorre rafforzare la lotta al riciclaggio e rinforzare la tracciabilità dei bonifici bancari. E’ quanto mira a fare la Commissione con i due testi legislativi – una direttiva e un regolamento – che saranno presentati il 5 Febbraio.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-02-04/nuove-regole-combattere-riciclaggio-220059.shtml?uuid=AbOIUERH

 

PRESSEUROP

Croazia: I traumi dell’allargamento

4 Febbraio 2013

I Paesi Bassi hanno dato il via libera all’adesione della Croazia all’Ue, prevista per il 1° Luglio. Aperto il dibattito sull’opportunità di tale scelta, sono cominciate le recriminazioni di alcuni paesi membri che temono il ripetersi di situazioni simili a quelle verificatesi con l’adesione di Romania e Bulgaria, che non soddisfacevano pienamente i criteri di Copenaghen.

http://www.presseurop.eu/it/content/article/3361691-i-traumi-dell-allargamento

 

PRESSEUROP

Regno Unito: Che ha fatto l’Europa per noi?

4 Febbraio 2013

E’ iniziata la campagna per tenere Londra nell’Ue. Nonostante le critiche mosse all’Unione dagli scettici, ci sono molte ragioni per le quali il Regno Unito dovrebbe essere grato all’Europa, senza contare l’ormai stretto legame socio-culturale con il resto del continente.

http://www.presseurop.eu/it/content/article/3361171-che-ha-fatto-l-europa-noi

 

PRESSEUROP

Brexit or not Brexit?

Speciale dedicato dalla testata Presseurop all’allontanamento del Regno Unito dall’Ue, in particolare dopo il discorso del premier Cameron del 23 Gennaio.

http://www.presseurop.eu/it/content/briefing/3304011-brexit-or-not-brexit

 

Il Fatto Quotidiano

“Restare in Europa ci conviene”, appello degli imprenditori Inglesi a Cameron

9 Gennaio 2013

Nella lettera pubblicata sul “financial times” grandi personalità dell’imprenditoria Inglese mettono in guardia sui costi che un’eventuale uscita dall’Ue potrebbe comportare per l’economia del Regno Unito. Un ridimensionamento dei rapporti con Bruxelles potrebbe costare più di 30 miliardi di Euro. La posizione del Primo Ministro non è delle più facili; ciò che si richiede a Bruxelles è principalmente maggior libertà di manovra e piena autonomia su sicurezza e immigrazione.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/09/restare-in-europa-ci-conviene-appello-degli-imprenditori-inglesi-a-cameron/465672/

 

PRESSEUROP

“Il Belgio è un paradiso della droga”

4 Febbraio 2013

Secondo uno studio realizzato da Eurpol insieme all’ Osservatorio Europeo sulle droghe e sulle tossicodipendenze, il Belgio è il paese in cui le droghe sono meno care. Il regno si trova all’inizio della catena di distribuzione illegale in Europa.

http://www.presseurop.eu/it/content/news-brief/3360161-il-belgio-e-un-paradiso-della-droga

 

PRESSEUROP

“Fine delle sovvenzioni per le rinnovabili”

4 Febbraio 2013

Bruxelles vuole regolamentare e armonizzare le sovvenzioni nazionali alle energie verdi e definire un regolamento europeo per le sovvenzioni entro il 2020.

http://www.presseurop.eu/it/content/news-brief/3360041-fine-delle-sovvenzioni-le-rinnovabili

 

PRESSEUROP

“L’Ue vuole liberalizzare la circolazione dei fondi”

4 Febbraio 2013

Alcune decisioni prese dalle autorità nazionali per proteggere i loro sistemi bancari hanno impedito alle banche di spostare capitali in altri paesi, sottolinea The Wall Street Journal, e l’interrogazione rivolta in merito dalla Commissione Europea alle autorità bancarie dei paesi membri, potrebbe essere il preludio di un’azione legale e di multe ai governi.

http://www.presseurop.eu/it/content/news-brief/3360151-l-ue-vuole-liberalizzare-la-circolazione-dei-fondi

 

Il Fatto Quotidiano

Banchieri avventati, Berlino prepara norma che preveda il carcere.

4 Febbraio 2013

Il governo tedesco è pronto a discutere una nuova legge che prevede il carcere per i banchieri il cui comportamento metta a rischio la gestione delle banche.

La Commissione Europea ha rivolto alle autorità bancarie dei paesi membri un’interrogazione in merito.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/04/banchieri-avventati-berlino-prepara-norma-che-preveda-carcere/488802/

 

La Stampa

L’Europa: pene più severe per i falsari

5 Febbraio 2013

“In alcune capitali fra cui Roma – afferma l’esecutivo Ue -, la contraffazione non viene ancora affrontata con gli strumenti investigativi usati per il crimine organizzato e transnazionale.”

La legislazione in merito non è omogenea fra i paesi membri e Bruxelles chiede fino a 8 anni per chi produce e diffonde Euro contraffatti.

http://www.lastampa.it/2013/02/05/economia/l-europa-pene-piu-severe-per-i-falsari-LIbwiHGOMFohyK8I0N1K9L/pagina.html

 

Il Fatto Quotidiano

Guerra agli euroscettici, l’Europa investe per influenzare i social media

4 Febbraio 2013

Il Parlamento Europeo ha deciso di investire due milioni di euro aggiuntivi nell’analisi dei social network, per fronteggiare l’euroscetticismo intervenendo nel dibattito e attuando campagne di promozione dei principi ispiratori dell’Europa unita. L’azione è stata fortemente criticata dagli euroscettici che siedono al parlamento Europeo, che ritengono che la neutralità dell’ unione europea rischi così di essere violata.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/04/guerra-agli-euroscettici-leuropa-investe-per-influenzare-social-media/489441/

 

Consiglio d’Europa – Notizie in primo piano

La violenza razzista è una vera e propria minaccia per la democrazia in Grecia

1 Febbraio 2013

 

Allarme violenza razzista ad Atene. Tra il mese di ottobre 2011 e quello di dicembre 2012, la rete di informazione sulla violenza razzista, guidata dall’UNHCR e dalla Commissione nazionale per i diritti dell’uomo, ha registrato oltre 200 aggressioni a stampo razzista.

Nils Muižnieks, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, al termine della visita di cinque giorni in Grecia ha sollecitato l’impiego di ulteriori mezzi per combattere ed assicurare la punizione di tali reati, anche sfruttando un ufficio indipendente per i reclami.

http://hub.coe.int/it/web/coe-portal/press/newsroom?p_p_id=newsroom&_newsroom_articleId=1334523&_newsroom_groupId=10226&_newsroom_tabs=newsroom-topnews&pager.offset=0

 

CAMBIAILMONDO

L’Islanda vince sull’UE: non dovrà risarcire le banche straniere

1 Febbraio 2013

 

Il Tribunale dell’EFTA ha stabilito oggi che il governo dell’Islanda non ha violato la legislazione europea quando ha deciso di non risarcire gli investitori straneri della banca on-line Icesave, dipendente da una delle principali istituzioni finanziarie fallite nel 2008. Ha anche stabilito che il governo islandese non ha compiuto un atto discriminatorio decidendo invece di risarcire i propri azionisti. Contraria la Commissione Europea, secondo la quale “i rimborsi dei depositi bancari devono sempre essere garantiti, anche nel caso di una crisi sistemica”.

http://cambiailmondo.org/2013/02/01/lislanda-vince-sullue-non-dovra-risarcire-le-banche-straniere/

 

PRESSEUROP

Caro Signor Farage

31 Gennaio 2013

Il capo del partito per l’indipendenza del Regno Unito ha manifestato la sua preoccupazione per l’”ondata” di immigrati romeni e bulgari che teme si riversino in Inghilterra dal 2014, quando cadranno le restrizioni sul mercato del lavoro. Una giovane Bulgara, che dopo aver studiato nel Regno Unito ha deciso di tornare in Bulgaria per proseguire la sua carriera professionale, gli risponde con una lettera.

http://www.presseurop.eu/it/content/article/3346631-caro-signor-farage

 

PRESSEUROP

Erdogan guarda a est

31 Gennaio 2013

Erdogan, primo ministro Turco, è tornato sull’ipotesi di abbandonare i tentativi di adesione all’Unione Europea per aderire invece alla Sco, affermando che “il gruppo dei cinque di Shanghai è migliore e più forte”. L’organizzazione promuove la cooperazione nei settori della sicurezza, dell’energia, del commercio e della politica. La questione sta nel capire se Russia e Cina accetterebbero davvero nell’organizzazione un paese facente parte della Nato, se la Nato accetterebbe a sua volta tale situazione e nondimeno nell’interrogarsi sulla possibilità che questa sia solo una manovra di Istanbul per costringere l’Unione europea ad abbandonare l’ambiguità nei suoi confronti.

http://www.presseurop.eu/it/content/article/3347201-erdogan-guarda-est

 

PRESSEUROP

L’Europa bendata alla guerra d’Africa

28 Gennaio 2013

Alla vigilia delle elezioni in Italia e Germania e investita dalla crisi rispetto a cui non si prospetta una rapida soluzione, l’Europa parla poco di guerra. E’ tuttavia un tema fondamentale, che implica processi politici e decisionali importantissimi. L’attuale azione in Mali, ad esempio, non può che evidenziare scarsa coesione e assenza di processi deliberativi comuni sul tema bellico; stimola nondimeno la riflessione sugli interventi passati e porta a chiedersi se siano guerre necessarie oppure no, e ad interrogarsi sui reali motivi di tali operazioni.

http://www.repubblica.it/politica/2013/01/23/news/l_europa_bendata_alla_guerra_d_africa-51100995/

 

Internazionale

Mario Draghi, l’uomo che salverà l’Europa

24 Gennaio 2013

Il Times ha dedicato la sua ultima copertina a Mario Draghi, definendolo “L’uomo che salverà l’Europa”. Già inserito nella classifica dei 100 uomini più influenti del mondo dalla stessa rivista, è considerato alla stregua di un “eroe” per aver salvato l’Euro. Nel momento più buio della crisi, sono bastate poche sue parole per risollevare i mercati. Draghi, in un’Unione europea che soffre di una profonda sfiducia nelle istituzioni, rappresenta per molti l’immagine dell’affidabilità e della credibilità.

http://www.internazionale.it/news/europa/2013/01/24/mario-draghi-luomo-che-salvera-leuropa/

 

PRESSEUROP

Obama chiama l’Europa

11 Gennaio 2013

La nomina da parte del Presidente Obama di due politici filoeuropei, Kerry ed Hagel, offre all’Europa l’opportunità di riavvicinarsi al suo principale partner commerciale. La Casa Bianca è tuttavia preoccupata del sentimento anti-Ue che serpeggia nel Regno Unito.

http://www.presseurop.eu/it/content/news-brief/3256661-obama-chiama-l-europa