26 novembre 2014 site.admin

Rassegna Stampa Novembre – Dicembre 2014

EUROPARLAMENTO24
19 Novembre 2014
Energia: Guidi a Sefcovic, forte impulso al mercato unico
“Proseguire con determinazione verso un mercato unico europeo dell’energia al fine di favorire una maggiore sicurezza anche diversificando le fonti e le rotte di approvvigionamento”. Tali obiettivi sono stati rimarcati con forza nel vertice che si è svolto al ministero dello Sviluppo economico tra il ministro Guidi e il Vice presidente della Commissione Europea, Sefcovic. 
http://www.europarlamento24.eu/energia-guidi-a-sefcovic-forte-impulso-al-mercato-unico/0,1254,106_ART_19053,00.html

CORRIERE DELLA SERA
21 Novembre 2014
«Infrastrutture e hi-tech, così l’Italia può investire per spingere la crescita»
A chi tocca salvare la corazzata Europa e certi suoi vascelli così fragili, per esempio imprese e banche? Scannapieco, vicepresidente della Bei propone: «i fondi pubblici dovrebbero essere usati per permettere a noi, alla Cassa depositi e prestiti e ad altri istituti, di assumerci più rischi per finanziare in Europa e in Italia banche, enti, grandi e piccole imprese che fanno ricerca, sviluppo ed innovazione. E attirare così anche soldi privati».
http://www.corriere.it/economia/speciali/2014/europa/notizie/infrastrutture-hi-tech-cosi-l-italia-puo-investire-spingere-crescita-14c7e83c-717f-11e4-b9c7-dbbe3ea603eb.shtml

EUNEWS
21 Novembre 2014
Draghi: nell’Eurozona situazione dell’inflazione sempre più difficile
In occasione di un convegno bancario a Francoforte, Draghi, presidente della Bce, ha dichiarato: “Ci sono tutta una serie di politiche” oltre a quella monetaria, “che possono riuscire a riportare la crescita e l’inflazione su un percorso più solido, e tutti noi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità in merito”. È “essenziale riportare senza perdere tempo l’inflazione agli obiettivi” del 2 % fissati dal mandato della Bce, ha aggiunto Draghi.
http://www.eunews.it/2014/11/21/draghi-nelleurozona-situazione-dellinflazione-sempre-piu-difficile/25635

EUROPARLAMENTO24
21 Novembre 2014
Bce: Draghi, vigilanza unica passo più importante verso integrazione da Uem
Mario Draghi, presidente della Bce, aprendo la cerimonia di inaugurazione del Meccanismo unico di vigilanza bancaria a Francoforte, ha affermato: “la creazione di un sistema di vigilanza unico europeo è un passo che risponde in modo determinato alla crisi, rafforza l’euro e ci proteggerà in futuro”.
http://www.europarlamento24.eu/bce-draghi-vigilanza-unica-passo-piu-importante-verso-integrazione-da/0,1254,106_ART_19069,00.html

ANSA
21 Novembre 2014
Fondi Ue: task-force Bruxelles per aiutare Regioni in ritardo
“Ci sono Regioni in Ue in cui continuiamo a pompare soldi da anni e non se ne vedono i risultati. Dobbiamo analizzare la situazione, capire perché accade”, ha detto il commissario Ue alle Politiche regionali Corina Cretu. Per questo, la Commissione europea ha deciso di istituire delle task-force per aiutare le Regioni europee in ritardo nell’assorbimento dei fondi per il periodo 2007-2013.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/11/21/fondi-uetask-force-bruxelles-per-aiutare-regioni-in-ritardo_0e7558d4-b784-4355-9e2d-3dd17ac45ac2.html

EURACTIV
21 Novembre 2014
Povertà: Poletti, migliorare lavoro comune
Il ministro del Lavoro italiano Poletti, intervenuto, con un video-messaggio, alla conferenza annuale della Piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale in corso a Bruxelles ha evidenziato che “la strategia Europa 2020 ha introdotto obiettivi ambiziosi, come una nuova metodologia per misurare il fenomeno e per suggerire raccomandazioni per la riduzione della povertà negli Stati membri. Ma evidentemente non è ancora abbastanza, dobbiamo migliorare il nostro metodo di lavoro comune”.
http://www.euractiv.it/it/news/sociale/10347-poverta-poletti-migliorare-lavoro-comune.html

EURACTIV
22 Novembre 2014
Legge stabilità: lettera Padoan Commissione europea
“Sono fiducioso che lo sforzo di riforma senza precedenti attualmente intrapreso dall’Italia sarà sostenuto con chiarezza dalle istituzioni europee”. Lo scrive il ministro dell’Economia Padoan in una lettera inviata al commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Moscovici, e quello all’Euro e al Dialogo sociale, Dombrovskis, nell’imminenza del giudizio della Commissione europea sulla Legge di Stabilità italiana. E aggiunge: “Sono convinto che un’applicazione di successo della strategia sarà benefica sia per l’Italia che per tutta l’economia europea”.
http://www.euractiv.it/it/news/economia-finanza/10354-legge-stabilita-lettera-padoan-commissione-europea.html

EUROPARLAMENTO24
25 Novembre 2014
Il Papa a Strasburgo: l’Europa riscopra i suoi valori
Il Papa è stato invitato a Strasburgo dal Presidente Martin Schulz, in nome del Parlamento europeo. L’ultima visita di un Pontefice risale al 1988, quando Papa Giovanni Paolo II si era rivolto al Parlamento, un anno prima della caduta del muro di Berlino. Nel suo discorso, Papa Francesco ha elogiato che la promozione dei diritti umani occupi “un ruolo centrale nell’impegno dell’Ue in ordine a favorire la dignità della persona, sia al suo interno che nei rapporti con gli altri paesi”.
http://www.europarlamento24.eu/il-papa-a-strasburgo-l-europa-riscopra-i-suoi-valori/0,1254,106_ART_19095,00.html

EUROPAE
25 Novembre 2014
Kosovo: Mogherini a gamba tesa sullo scandalo Eulex
Alcuni ufficiali e funzionari di EULEX, la missione europea in Kosovo, volta a stabilire lo stato di diritto nel Paese sono sospettati di aver intascato tangenti per insabbiare almeno tre processi giudiziari. “La credibilità della missione merita di essere pienamente tutelata”, ha detto Mogherini, Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Per questo è stato nominato un esperto legale esterno alla missione, Jacqué che dovrà occuparsi specificamente delle accuse ed entro quattro mesi riferire alla Mogherini i risultati del suo lavoro.
http://www.rivistaeuropae.eu/esteri/esterni/kosovo-mogherini-a-gamba-tesa-sullo-scandalo-eulex/

EURACTIV
25 Novembre 2014
Ambiente: buste plastica, ok commissione Envi
Con 60 voti a favore e tre astensioni, la commissione Ambiente del Parlamento europeo ha approvato l’accordo raggiunto con il Consiglio dei ministri dell’Ue per ridurre l’uso dei sacchetti di plastica più inquinanti. Con le nuove norme, gli Stati membri saranno tenuti a portare il consumo medio a persona a 90 sacchetti entro il 2019 e a 40 entro il 2025. In alternativa, i paesi Ue potranno decidere, entro il 2018, di fissare un prezzo alle buste di plastica non biodegradabili e di vietarne la distribuzione gratuita ai consumatori.
http://www.euractiv.it/it/news/ambiente-energia/10362-ambiente-buste-plastica-ok-commissione-envi.html

ANSA
26 Novembre 2014
Pmi: Commissione raccoglie idee su mercato unico e digitale
Obiettivo dell’incontro dei Gruppi di esperti dei 28 sulle politiche per imprese e pmi convocati oggi a Bruxelles dalla Commissione europea è raccogliere idee su come consolidare il mercato unico e scommettere anche sulla digitalizzazione dell’ambiente imprenditoriale. L’esecutivo Juncker ha fatto del resto dell’economia digitale una delle sue priorità per far ripartire crescita e occupazione.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/europa_pmi/2014/11/26/pmi-commissione-raccoglie-idee-su-mercato-unico-e-digitale_3d42e09a-f561-40f5-afb6-69ca77f2a25c.html

Il Sole 24 Ore
26 Novembre 2014
Juncker: al via da giugno il piano di investimenti da 315 miliardi
Il piano europeo per investimenti da 315 miliardi di euro potrà diventare operativo da giugno e i contributi volontari dei singoli Stati membri saranno scorporati dal calcolo del deficit. Questi i punti fermi enunciati questa mattina dal presidente della Commissione Juncker davanti all’assemblea plenaria dell’Europarlamento. Secondo Juncker, l’attivazione del piano “sarà un test di credibilità fondamentale per gli investitori e i mercati finanziari internazionali”. Egli stesso conta “sulla competenza della Bei per il successo dell’iniziativa”.
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-11-26/juncker-via-giugno-piano-investimenti-315-miliardi–102238.shtml?uuid=AB9adHIC

EUNEWS
26 Novembre 2014
Petriccione (Commissione Ue): Non c’è solo il TTIP, anche l’accordo con il Giappone è decisivo
L’Ue sta negoziando tanti trattati commerciali, tra cui il TTIP, accordo commerciale e per gli investimenti in fase di negoziato tra Ue e Usa. Un altro esempio è il trattato sul commercio e gli investimenti con il Giappone. La Commissione europea stima che “se i due accordi con Usa e Giappone venissero conclusi secondo i criteri che intendiamo noi, varrebbero un’aggiunta di circa due punti percentuali al Pil dell’Ue”. E’ Petriccione, vice direttore della Direzione Generale Commercio della Commissione, a dichiararlo in un’intervista a Eunews.
http://www.eunews.it/2014/11/26/petriccione-commissione-ue-laccordo-con-il-giappone-e-il-ttip-valgono-il-2-del-pil-europeo/25804

EURACTIV
26 Novembre 2014
Pac: ComAgri a Hogan, rinviare greening a 2016
Nell’ambito della riforma della Pac, ogni Stato membro deve destinare il 30% della dotazione nazionale per i pagamenti diretti alla componente greening. Con un appello al commissario Hogan i coordinatori dei maggiori gruppi politici in commissione Agricoltura al Parlamento europeo chiedono di rinviare al 2016 l’applicazione del greening, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2015. Secondo i coordinatori, questa misura, se introdotta prima che i 28 siano pronti a implementarla, rischia di danneggiare l’intero settore agricolo europeo.
http://www.euractiv.it/it/news/agroalimentare/10377-pac-comagri-a-hogan-rinviare-greening-a-2016.html

LA TRIBUNE
27 Novembre 2014
La Bce rifletterà sul riscatto del debito pubblico all’inizio del 2015
La Bce potrebbe decidere nel primo trimestre del 2015 se c’è bisogno di avviare un programma di acquisto di titoli di Stato, ha dichiarato mercoledì 26 novembre il suo vice-presidente Vitor Constancio. Se le iniziative già prese dalla Bce non porteranno i loro frutti “dovremo studiare l’acquisto di altri beni, tra cui titoli di Stato sul mercato secondario”, ha aggiunto Constancio.
http://www.latribune.fr/actualites/economie/union-europeenne/20141127tribe5c9d69de/la-bce-reflechira-au-rachat-de-dette-souveraine-debut-2015.html

ANSA
27 Novembre 2014
Tlc: Ue, fine roaming affonda sotto spaccature paesi
Non è ancora tempo per la fine del roaming. I 28 sono rimasti su posizioni troppo diverse per poter arrivare a un accordo al Consiglio Tlc. “Tutti però hanno confermato la volontà comune di andare avanti”, ha sottolineato il sottosegretario Giacomelli che ha presieduto la riunione dei 28. “Faremo ogni sforzo per scongiurare il rischio di rinvio” della fine del roaming “e per favorire una scelta in tempi rapidi compatibili con quelli indicati dal Parlamento Ue”, ha voluto rassicurare Giacomelli.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/11/27/tlc-ue-fine-roaming-affonda-sotto-spaccature-paesi_3b0047a8-032a-49d8-8766-2747a3a4ba52.html

LE MONDE
28 Novembre 2014
Bilancio: Bruxelles concede un periodo di tre mesi a Parigi
Tre mesi. Questo è il tempo che la Commissione europea ha concesso a Parigi – e a Roma – nel parere che ha rilasciato, venerdì 28 novembre, sui loro progetti di bilancio per il 2015. Per quanto riguarda la Francia, Bruxelles afferma che “il progetto del piano di bilancio presenta un rischio di non rispetto delle regole del Patto di stabilità e crescita” e aggiunge che “per garantire il rispetto dei suoi obblighi, il Paese deve continuare e accelerare sulla via delle riforme strutturali”.
http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/11/28/budget-bruxelles-accorde-un-delai-de-trois-mois-a-paris_4530869_3234.html

ANSA
28 Novembre 2014
Botta e risposta Bruxelles-Berlino su investimenti
Riforme e conti in ordine, ma anche investimenti. E’ la battaglia incrociata che la Commissione Ue sta cercando di giocare sullo scacchiere europeo, dove subito si è innescato un botta e risposta tra Bruxelles e Berlino. Sotto la lente dell’esecutivo europeo, infatti, non sono finite solo Francia e Italia, ma è arrivato un richiamo, pur con toni diversi, anche per la Germania, perché i paesi che hanno spazio fiscale devono sfruttarlo per contribuire a far ripartire l’economia anemica dell’Eurozona.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/elementiHP/2014/11/28/botta-e-risposta-bruxelles-berlino-su-investimenti_a3ed3899-b844-4dc0-9c70-0fe7e1bd3ab3.html

EUROPA.EU
28 Novembre 2014
Bilancio Ue 2015: Nuova proposta della Commissione al Parlamento e al Consiglio
La Commissione europea ha adottato oggi un nuovo progetto di bilancio dell’Ue per il 2015 dopo che il periodo di negoziati tra Parlamento europeo e Consiglio si è concluso senza accordo. Il nuovo progetto di bilancio prevede €145.2 miliardi in impegni (+ 1,8% rispetto al 2014) e € 141.3 miliardi in pagamenti (+ 0,7%). La proposta è stata trasmessa al Parlamento europeo e al Consiglio, al fine di continuare i negoziati la prossima settimana.
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-14-2233_fr.htm?locale=en

ADNKRONOS
28 Novembre 2014
Legge di stabilità, da Bruxelles via libera ‘condizionato’. A marzo nuova verifica
La Commissione europea dà una via libera ‘condizionato’ alla Legge di Stabilità italiana per il 2015: infatti Bruxelles nel suo parere preannuncia per marzo una verifica dei nostri conti pubblici. L’Italia, spiega Bruxelles, “ha realizzato alcuni progressi per quanto riguarda la parte strutturale delle raccomandazioni fiscali diffuse dal Consiglio nel quadro del semestre europeo 2014”, ma il governo deve “compiere ulteriori progressi”.
http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2014/11/28/legge-stabilita-bruxelles-via-libera-condizionato-all-italia-marzo-nuova-verifica_Wjj573HaTErmCHniCNFRnJ.html?refresh_ce

ANSA
28 Novembre 2014
Bilancio Ue: in nuova proposta saltano tagli a Pac
Le misure addizionali necessarie alla Pac per sostenere gli agricoltori europei colpiti dall’embargo russo possono essere finanziate senza far scattare la riserva di crisi. E’ in sostanza quanto afferma la nuova proposta sul bilancio Ue 2015 che la vice presidente della Commissione Ue, Kristalina Georgieva ha presentato oggi.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/elementiHP/2014/11/28/bilancio-ue-in-nuova-proposta-saltano-tagli-a-pac_9f45d068-aec5-4b4c-b8be-de1b51135f81.html

EUROPA.EU
28 Novembre 2014
Un nuovo piano per il lavoro, la crescita e l’investimento
Il vice presidente della Commissione europea Dombrovskis e i commissari Moscovici e Thyssen hanno presentato oggi il pacchetto d’autunno 2014 sulla governance economica per lanciare il nuovo semestre europeo. L’analisi annuale della crescita definisce le priorità economiche e sociali generali per l’Ue per il 2015. La Commissione ha pubblicato anche una relazione sul meccanismo d’allerta, il suo progetto di relazione congiunta sul lavoro e un parere sui documenti programmatici di bilancio dei paesi dell’Eurozona.
http://ec.europa.eu/news/2014/11/20141128_fr.htm

RAINEWS
28 Novembre 2014
L’Europarlamento vota la separazione dei servizi di Google
La risoluzione non vincolante dell’Europarlamento che prevede lo smantellamento di Google è stata approvata a larga maggioranza. Con questo voto l’istituzione chiede alla Commissione di accelerare sul mercato unico digital, che l’esecutivo Ue considera un settore “con un potenziale enorme per la crescita”. Si punta a spezzare le attività di Google con da un lato il motore di ricerca e dall’altro i suoi servizi commerciali.
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/europarlamento-vota-risoluzione-per-dividere-google-in-due-ad133d72-4a9e-414c-a372-ee9ec60a6947.html?refresh_ce

LE MONDE
29 Novembre 2014
La zona euro sempre più vicina alla deflazione
L’annuncio, venerdì 28 novembre, di un calo dei prezzi nell’Eurozona mette la Bce alle strette. Il tasso d’inflazione è sceso a + 0,3% nell’Uem in novembre (contro + 0,4% in ottobre), secondo la prima stima di Eurostat. Il presidente della Bce, Draghi, ha promesso più volte di adottare misure più forti e ampie se l’inflazione “troppo bassa” non risale velocemente. E intanto, risulta sempre più vicina una minaccia difficile da sradicare per l’Eurozona: la deflazione.
http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/11/29/la-zone-euro-toujours-plus-proche-de-la-deflation_4531515_3234.html

LA REPUBBLICA
1 Dicembre 2014
Moldova spaccata: la coalizione filo-Ue in testa con il 45%, ma i filo-russi sono oltre il 38%
La coalizione filo-Ue attualmente al governo in Moldova esce dalle elezioni legislative di ieri con una vittoria ma con una maggioranza esile: ha ottenuto circa il 45% dei voti e potrà contare su 54-55 seggi su 101. I tre partiti della coalizione filo-Ue hanno già iniziato le consultazioni per formare il nuovo esecutivo, ma dovranno fare i conti con un’opposizione forte, che ha ottenuto più del 38% dei consensi, segno di un Paese ancora spaccato sul proprio futuro, diviso tra l’Europa e la Russia.
http://www.repubblica.it/esteri/2014/12/01/news/moldova_spaccata_la_coalizione_filo-ue_in_testa_con_il_44_ma_i_filo-russi_sono_al_40_-101850169/

LA REPUBBLICA
1 Dicembre 2014
Fondi Ue: gettone extra da 5 miliardi all’Italia, ma sui soldi non spesi c’è ancora rischio tagliola
Nonostante gli sprechi, la frammentazione dei progetti e in taluni casi l’evidente incapacità amministrativa, l’intesa 2014-2020 sui fondi strutturali concede all’Italia 5 miliardi in più rispetto al passato. Gettone che, soprattutto per il Sud, rappresenta l’ultima chance e su cui anche imprese e privati sono chiamati a coinvestire finanze proprie. L’Italia dovrebbe seguire l’esempio della Polonia che sull’uso dei fondi ha fatto scuola in questi anni.
http://www.repubblica.it/speciali/politica/data-journalism/2014/12/01/news/fondi_ue_politiche_di_coesione_budget_openpolis-100942476/

LA TRIBUNE
2 Dicembre 2014
Bruxelles taglia alla Grecia 17 milioni di euro di sussidi agricoli
“E’ la prima volta che la Commissione usa questa nuova opzione di gestione del bilancio, ma è molto importante che le regole siano rispettate”, così, il Commissario all’agricoltura, Phil Hogan ha commentato la decisione della Commissione europea di ridurre di circa 17 milioni di euro i sussidi agricoli per la Grecia nel 2014. Nonostante i “notevoli progressi”, il paese non è riuscito a garantire la conformità con le norme europee del suo sistema di calcolo delle parcelle agricole ammissibili ai contributi della PAC, ritiene la Commissione.
http://www.latribune.fr/actualites/economie/union-europeenne/20141202tribaa976c851/bruxelles-ampute-la-grece-de-17-millions-d-euros-de-subventions-agricoles.html

EL PAIS
2 Dicembre 2014
La gestione dei fondi europei di fronte alla Giunta e al Partito Popolare
Il Partito Popolare (PP) dell’Andalusia vuole che la comunità ottenga il più possibile del pacchetto di investimenti previsto dal fondo Juncker, ma allo stesso tempo richiede a Bruxelles di aprire un’inchiesta sulla gestione dei fondi europei da parte della Giunta dell’Andalusia. Lunedì scorso il presidente del PP, Moreno, ha riferito che degli 80 milioni di euro che l’Andalusia ha ricevuto dall’ingresso della Spagna nell’UE, nel 1986, “gran parte non sono stati applicati in condizioni di efficienza”.
http://ccaa.elpais.com/ccaa/2014/12/02/andalucia/1417544988_264676.html

LA REPUBBLICA
2 Dicembre 2014
Habermas: “Ora in Europa il populismo sta conquistando anche i governi”
A giudizio del filosofo tedesco Habermas, sembra che in tutti gli Stati dell’Ue l’euroscetticismo stia guadagnando terreno. “Se l’Eurozona si rivela fragile, è soprattutto perché a Maastricht, i politici in carica non trovarono il coraggio di porre le premesse perché dall’unione monetaria potesse sorgere un’unione politica”, sostiene il filosofo. A suo parere, solo un governo economico comune ai Paesi del nocciolo duro europeo sarebbe in grado di contrastare le crescenti disuguaglianze sociali ed economiche in seno all’Eurozona.
http://www.repubblica.it/esteri/2014/12/02/news/habermas_ora_in_europa_il_populismo_sta_conquistando_anche_i_governi-101916768/

EUROPAE
2 Dicembre 2014
Tusk, un Presidente pragmatico per l’Ue
Si è svolto ieri il passaggio di consegne fra Herman Van Rompuy, che ha traghettato l’UE in questi anni di crisi economica e cambiamenti istituzionali e Donald Tusk, nuovo Presidente del Consiglio Europeo. Tusk, ex premier polacco, una personalità più politica, dovrà dimostrare di saper negoziare e favorire gli accordi fra gli Stati membri su materie delicate. Suo primo obiettivo è riportare in Europa “energia, ottimismo, impegno e fede: la mia specialità”, ha detto il nuovo Presidente nel suo discorso di insediamento.
http://www.rivistaeuropae.eu/politica/tusk-un-presidente-pragmatico-e-liberale-per-lue/

EUROPAE
3 Dicembre 2014
Mogherini: “confrontarsi con le cause dell’immigrazione irregolare”
A Roma il 27 Novembre si è svolta la IV Conferenza Ministeriale euro-africana su Migrazione e Sviluppo, avvenuta nel quadro del “Processo di Rabat”, un’iniziativa nata nel 2006 per rafforzare la cooperazione tra Paesi d’origine, di transito e di destinazione dei flussi migratori per una gestione condivisa del fenomeno. Secondo Federica Mogherini, “per affrontare l’emergenza bisogna confrontarsi con le cause ultime dell’immigrazione irregolare”.
http://www.rivistaeuropae.eu/esteri/esterni/mogherini-confrontarsi-con-le-cause-dellimmigrazione-irregolare/

VOXEUROP
3 Dicembre 2014
Gli europei raggiungono un accordo storico sul nuovo lanciatore Ariane 6
I funzionari dei 20 Paesi membri dell’Agenzia spaziale europea hanno raggiunto un accordo sulla costruzione di un nuovo lanciatore – Ariane 6 – dopo che la Germania ha dato il via libera ad una riunione a Lussemburgo il 2 dicembre. Il primo lancio è previsto per il 2020. Ariane 6 “si avvia ad essere la risposta al lanciatore americano SpaceX”, scrive Le Monde.
http://www.voxeurop.eu/en/content/news-brief/4863679-europeans-reach-historical-agreement-new-ariane-6-launcher

EUROPARLAMENTO24
3 Dicembre 2014
Grecia: probabile estensione tecnica aiuti, Eurozona preme per presenza Fmi
Potrebbe esserci una “estensione tecnica” del programma di aiuti europei alla Grecia, secondo fonti dell’Eurogruppo. Ne discuteranno i ministri finanziari lunedì prossimo a Bruxelles. Per gli Stati membri, la presenza del Fondo monetario internazionale è importante, ma non si sa ancora se avrà o meno un ruolo. Il governo Samaras la pensa diversamente temendo di perdere consensi in caso di elezioni.
http://www.europarlamento24.eu/grecia-probabile-estensione-tecnica-aiuti-eurozona-preme-per-presenza-fmi/0,1254,106_ART_19201,00.html

IL MESSAGGERO
3 Dicembre 2014
Gas, Ue contro Putin sul South Stream. Renzi: «Lo stop non ci preoccupa»
Scambio di accuse tra l’Ue e Mosca dopo l’annuncio del presidente russo, Putin, di voler abbandonare South Stream, il progetto di gasdotto che avrebbe dovuto rafforzare la sicurezza energetica europea. «Quelli che hanno seppellito questo progetto farebbero bene a calcolare le conseguenze», ha detto un portavoce del ministero degli Esteri russo. Per Mogherini, Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza, è «più che mai urgente diversificare non solo le rotte ma anche le fonti di energia».
http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/gas_ue_putin_south_stream_renzi/notizie/1046410.shtml

EUROPA QUOTIDIANO
4 Dicembre 2014
Bce, niente quantitative easing per ora. Riviste al ribasso le stime di crescita
Al termine del consiglio direttivo della Bce, Mario Draghi ha annunciato che l’istituto di Francoforte ha ridotto le stime sul Pil dell’Eurozona rispetto alle previsioni di giugno. Sul ricorso a ulteriori misure non convenzionali nel caso di un prolungarsi dei rischi di inflazione troppo bassa, Draghi ha chiarito che c’è da attendere, come anche per la possibilità di uno specifico programma di alleggerimento quantitativo.
http://www.europaquotidiano.it/2014/12/04/bce/

EURACTIV
5 Dicembre 2014
Giustizia/Interni: insolvenza passa, direttiva Pnr no
A Bruxelles, il Consiglio Giustizia e Affari interni approva l’accordo sull’insolvenza che mira a coniugare protezione dei creditori e sopravvivenza delle imprese. L’adozione definitiva del testo da parte del Consiglio è prevista per marzo 2015. Nessun accordo, per ora, sulla direttiva Passenger name record (Pnr), il testo presentato dalla Commissione europea nel 2011 che obbliga i vettori aerei a fornire agli Stati membri i dati dei passeggeri che entrano o escono dall’Ue, per contrastare i reati gravi e il terrorismo.
http://www.euractiv.it/it/news/istituzioni/10441-presidenza-insolvenza-passa-direttiva-pnr-no.html

EUROPARLAMENTO24
5 Dicembre 2014
Draghi: molto fiducioso in successo piano Juncker, è unica iniziativa ora
“Ho molta fiducia in un successo del piano Juncker. Si tratta dell’unica iniziativa in campo con effetti sull’orientamento complessivo di bilancio” dei Paesi dell’Eurozona. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, in conferenza stampa, spiegando che il piano “ha un giusto focus sugli investimenti che è il segmento dove c’è più bisogno di interventi”.
http://www.europarlamento24.eu/draghi-molto-fiducioso-in-successo-piano-juncker-e-unica-iniziativa/0,1254,106_ART_19213,00.html

EUNEWS
5 Dicembre 2014
Giannini: l’Europa deve diventare più attraente per i ricercatori, soprattutto i giovani
Ricerca e innovazione “sono i motori di crescita e competitività”, ha detto il ministro dell’istruzione, Giannini, che oggi ha presieduto l’ultimo Consiglio Ue sul tema del semestre a guida italiana. Per il ministro, è importante puntare alla creazione di “un mercato unico della conoscenza”, in più l’Europa deve diventare più attraente per i giovani ricercatori nei prossimi anni. Alla riunione dei 28 presente anche l’astronauta Parmitano, che ha spiegato l’importanza del sostegno Europeo alla ricerca, nello specifico a quella sullo Spazio.
http://www.eunews.it/2014/12/05/giannini-leuropa-deve-diventare-piu-attraente-per-i-ricercatori-soprattutto-i-giovani/26682

EUROPA.EU
5 Dicembre 2014
Il Consiglio discute azioni per rafforzare il mercato unico
Alla riunione di Bruxelles del 4-5 dicembre, i ministri della competitività dell’Ue hanno deciso ciò che deve essere fatto per sviluppare il mercato unico e rafforzare l’integrazione economica europea. I ministri si sono concentrati sulle aree che hanno più probabilità di generare investimenti e crescita. Esse includono: completamento del mercato unico dell’energia, dei trasporti e digitale, creazione di un ambiente favorevole per le pmi.
http://www.consilium.europa.eu/homepage/highlights/council-discusses-action-to-boost-the-single-market?lang=en

LA REPUBBLICA
7 Dicembre 2014
Piano Juncker, pioggia di progetti dagli Stati membri: oltre 2mila richieste di finanziamento
Gli Stati membri dell’Ue hanno presentato 2.000 proposte di progetto per il finanziamento nell’ambito di un nuovo programma di investimenti del piano Juncker. I 2.000 progetti hanno un valore complessivo di circa 1,3 trilioni di euro, dicono fonti comunitarie. La Banca europea per gli investimenti (Bei) si occuperà di stabilire quali progetti potranno essere finanziati, in modo che la decisione non sia politicizzata, ha aggiunto la fonte.
http://www.repubblica.it/economia/2014/12/07/news/piano_juncker_pioggia_di_progetti_dagli_stati_membri_oltre_2mila_richieste_di_finanziamento-102346874/

EURACTIV
7 Dicembre 2014
Italia/Ue: Merkel critica, Gozi replica
Le riforme in Italia e in Francia sono insufficienti. E’ il giudizio espresso dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, in un’intervista a Die Welt, a una settimana dalla tregua concessa da Bruxelles a Roma e a Parigi per migliorare le finanze. La replica del governo italiano arriva da Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari europei, il quale in una nota, chiede che Berlino “rispetti” Roma e pensi ai propri problemi e dia all’Europa “un contributo importante”.
http://www.euractiv.it/it/news/economia-finanza/10447-italia-ue-merkel-critica-gozi-replica.html

EUNEWS
8 Dicembre 2014
Ebola, nuovo stanziamento Ue da 61 milioni per contrastare il virus in Africa
L’Ue stanzia altri 61 milioni di euro per rinnovare l’impegno nella lotta all’Ebola nei Paesi colpiti dell’Africa occidentale. Lo annuncia oggi il commissario europeo per la cooperazione internazionale e lo sviluppo, Mimica, in occasione del suo ritorno dal viaggio in Guinea. Inoltre, il commissario Ue ed il ministro dell’economia e delle finanze guineano, Diare hanno firmato un accordo che apre la strada per il Paese alla possibilità di accedere ai finanziamenti del Fondo europeo per lo sviluppo per il periodo 2014-2020.
http://www.eunews.it/2014/12/08/ebola-nuovo-piano-ue-da-61-milioni-per-contrastare-il-virus-in-africa/26708

ANSA
8 Dicembre 2014
Trasporti: Piano Juncker, Porto Genova al top proposte Italia
E’ il porto di Genova al top per numero di proposte nella ‘lista della spesa’ dei progetti presentati dall’Italia, in vista della messa a punto del piano Juncker per sostenere il rilancio della crescita e dell’occupazione in Europa. Il documento approderà domani sul tavolo dei ministri delle Finanze dei 28 e le proposte in esso contenute saranno soggette ad una attenta selezione.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/12/08/trasporti-piano-junckerporto-genova-al-top-proposte-italia_a47111dc-6e76-4a21-8c0f-78bd58f2815f.html

EUROPAE
9 Dicembre 2014
Partenariato Orientale: Mogherini, Tusk e le sfide del vicinato
Il Partenariato Orientale è stato lanciato da Polonia e Svezia nel 2008 per rafforzare i legami con i vicini orientali e aiutarli nel percorso di democratizzazione. In questo momento, esso va rielaborato e rilanciato. Nato come programma tecnico, con lo scontro geopolitico lanciato da Putin, il Partenariato Orientale può andare avanti solo se assume una dimensione politica. Tusk, nuovo Presidente del Consiglio europeo è la persona adatta a mediare tra i capi di Stato e di governo per un ruolo forte dell’UE nel vicinato orientale.
http://www.rivistaeuropae.eu/esteri/esterni/partenariato-orientale-mogherini-tusk-e-le-sfide-del-vicinato/

LA REPUBBLICA
9 Dicembre 2014
Grecia, Samaras candida Dimas a presidenza repubblica: rischio elezioni anticipate
Il primo ministro greco, Samaras gioca il futuro del governo indicando come candidato alla presidenza della Repubblica greca Stavros Dimas, ex ministro ed ex commissario europeo all’ambiente. L’annuncio arriva all’indomani della decisione di anticipare a dicembre l’elezione del futuro presidente. La scelta di Dimas è delicata perchè se il parlamento non riuscisse ad eleggere il nuovo presidente entro tre votazioni, si andrebbe ad elezioni anticipate. Ciò spaventa non poco i mercati, in quanto dalle elezioni potrebbe emergere come primo partito la sinistra radicale di Syriza.
http://www.repubblica.it/esteri/2014/12/09/news/grecia_samaras_dimas_tsipras-102480164/

EURACTIV
9 Dicembre 2014
Corruzione: don Ciotti, da Ue una marcia in più
Il fondatore dell’associazione Libera don Luigi Ciotti presenta al Parlamento europeo (Pe), in occasione della giornata mondiale contro la corruzione, l’agenda di priorità per l’Europa contro la mafia, la corruzione e il crimine organizzato. “Ogni anno nell’Ue si perdono oltre 100 miliardi di euro in corruzione, quanto un bilancio comunitario”, ha detto l’eurodeputata Schlein, tra le prime firmatarie della proposta di creare un intergruppo su corruzione e criminalità organizzata al Pe.
http://www.euractiv.it/it/news/istituzioni/10457-corruzione-don-ciotti-da-ue-una-marcia-in-piu.html

EUROPARLAMENTO24
9 Dicembre 2014
Esm: adottato strumento di ricapitalizzazione diretta delle banche
Il consiglio dei governatori dello European Stability Mechanism (Esm) ha adottato oggi lo strumento di ricapitalizzazione diretta per le banche dell’Eurozona, e in grado di proseguire poi da sè il proprio corso, come misura di ultima istanza in situazioni eccezionali.
http://www.europarlamento24.eu/esm-adottato-strumento-di-ricapitalizzazione-diretta-delle-banche/0,1254,106_ART_19241,00.html

CORRIERE DELLA SERA
9 Dicembre 2014
L’annuncio di Padoan: accordo su bilancio comunitario 2015
È stato raggiunto un accordo sul bilancio dell’Unione europea per il 2014 e il 2015. Lo ha annunciato il ministro dell’Economia Padoan: “Grazie alla presidenza italiana è stata raggiunta un’intesa che permette di pagare le bollette arretrate, di salvaguardare i bilanci degli Stati membri e di trovare risorse per il rilancio della crescita”, inoltre, è stata trovata “una soluzione strutturale che permetterà di evitare questi problemi in futuro”.
http://www.corriere.it/economia/14_dicembre_09/annuncio-padoan-accordo-bilancio-comunitario-2015-bd5f5e82-7f83-11e4-92ce-497eb7f0f7a3.shtml

LE FIGARO
9 Dicembre 2014
Digitale, trasporti, energia…: il piano della Francia per rilanciarsi
Parigi ha presentato a Bruxelles un grande piano di investimenti per il periodo 2015-2017 composto da 32 progetti per un totale di 48 miliardi di euro. Quasi il doppio di Germania e circa la metà dell’Italia. Del totale, il 40% sarà investito in innovazione e digitale. Altro progetto: le infrastrutture. Infine, Parigi vuole che l’Europa finanzi un vasto programma di riqualificazione urbana.
http://www.lefigaro.fr/conjoncture/2014/12/09/20002-20141209ARTFIG00063-numerique-transports-energie-les-idees-de-la-france-pour-se-relancer.php

VOXEUROP
10 Dicembre 2014
‘LuxLeaks: 35 nuovi dossier’
Dopo le rivelazioni del mese scorso di “548 accordi fiscali tra le società multinazionali o le famiglie benestanti e le autorità del Granducato”, Le Soir riporta che 35 nuove società sono implicate nello scandalo dell’evasione fiscale LuxLeaks. Le pratiche sono simili a quelle riscontrate in precedenza: “riduzioni fiscali spettacolari o aliquote fiscali molto basse”. Secondo Le Soir, l’Unione europea dovrebbe “agire per una maggiore trasparenza”.
http://www.voxeurop.eu/en/content/news-brief/4866791-luxleaks-35-new-files

EUROPA QUOTIDIANO
10 Dicembre 2014
L’avvertimento di Juncker: senza riforme conseguenze spiacevoli per Roma e Parigi
In un’intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, Juncker, presidente della Commissione europea avverte Italia e Francia di procedere con le riforme annunciate. «Se alle parole non seguiranno i fatti, per questi paesi non sarà piacevole», dichiara Juncker. Procedura di infrazione, dunque, ma non solo.
http://www.europaquotidiano.it/2014/12/10/juncker-in-assenza-di-riforme-conseguenze-spiacevoli-per-roma-e-parigi/

ANSA
10 Dicembre 2014
Tonno rosso: Ue, quota italiana passa da 1.950 a 2.302,8 t.
Sale la quota di tonno rosso che l’Italia potrà pescare nel 2015, passando da 1.950 a 2.302,8 tonnellate. E’ quanto prevede la proposta della Commissione Ue alla luce della decisione presa a Genova, lo scorso novembre, dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico (Iccat). Il testo è stato presentato oggi al Coreper per preparare il Consiglio del 15 e 16 dicembre a Bruxelles. Il Consiglio dei ministri della pesca e dell’agricoltura dell’Ue si pronuncerà sull’aumento delle quote di pescato di tonno rosso nel 2015 per gli Stati membri interessati.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/12/10/tonno-rosso-ue-quota-italiana-passa-da-1.950-a-2.3028-t._258dc35a-4485-4740-addd-37660fbd946e.html

LA REPUBBLICA
10 Dicembre 2014
Via libera degli Stati Ue a divieti nazionali a coltivazione di Ogm
I rappresentanti permanenti dei governi nazionali dell’Ue hanno approvato senza voti contrari, questo pomeriggio a Bruxelles, l’intesa sulla direttiva che permetterà agli Stati membri di vietare, sul proprio territorio, la coltivazione di Ogm, autorizzati a livello comunitario. L’intesa sarà ora sottoposta alla plenaria del Parlamento europeo in seconda lettura, a gennaio. La sua approvazione finale è pressoché certa.
http://www.repubblica.it/ambiente/2014/12/10/news/via_libera_degli_stati_ue_a_divieti_nazionali_a_coltivazione_di_ogm-102594055/?ref=HREC1-13

ADNKRONOS
12 Dicembre 2014
Fondi Ue: Campania, oltre 2 mld di spesa certificata per Por 2007-13
La Regione Campania “ha raggiunto un target di spesa certificata (dati al novembre 2014) pari al 47,07% della dotazione finanziaria del Programma Operativo Regionale 2007-2013. In particolare la Campania è la quarta regione in Italia e la prima nel Mezzogiorno, per gli investimenti in Ricerca ed Innovazione”. Dario Gargiulo, autorità di gestione Por Campania Fesr 2007-2013, ha spiegato che “i risultati sono stati ottenuti attraverso una strategia top-down ed un’attività di bottom-up”.
http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2014/12/12/fondi-campania-oltre-mld-spesa-certificata-per-por_fpryiW9tKrO3hVCdIkAzvK.html?refresh_ce

EUROPARLAMENTO
12 Dicembre 2014
Sostegno UE per la ricerca dell’impiego ai lavoratori licenziati in Francia, Italia e Polonia
La commissione per i bilanci ha chiesto giovedì che gli oltre 5.000 lavoratori licenziati per esubero in Francia, Italia e Polonia dovrebbero ricevere aiuti europei pari a 29 milioni di euro per aiutarli a cercare nuovi posti di lavoro. Il sostegno del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) deve ancora essere approvato dal Parlamento nel suo insieme (il voto martedì a Strasburgo) e dal Consiglio dei ministri.
http://www.europarl.it/it/succede_pe/news_2014/dicembre_2014/35mlneuro_lavlicenziati.html;jsessionid=84411DD2AFD77D6CE76E52F38A6

EURACTIV
12 Dicembre 2014
Sviluppo: CdM, agenda post 2015 e migrazione
Posizione europea sull’agenda di sviluppo post 2015 e migrazione. Sono i due temi discussi nel corso del Consiglio Affari esteri sulla cooperazione allo sviluppo. “Sviluppo e cooperazione sono ambiti in cui l’Unione è un attore chiave”, spiega l’Alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini in conferenza stampa al termine del Consiglio. Anche secondo il commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo, Neven Mimica, l’Ue “deve passare a essere un attore nella politica di sviluppo”.
http://www.euractiv.it/it/news/sociale/10475-sviluppo-cdm-agenda-post-2015-e-migrazione.html

EUROPAE
13 Dicembre 2014
Merkel e le lezioni che non può più dare
Solo pochi giorni fa, il Cancelliere Angela Merkel è tornata a premere su Francia e Italia, affermando che le riforme messe in campo sinora “non sono sufficienti”. Ma ormai è finito il tempo in cui la Germania indicava agli altri Paesi la via da seguire: la Germania non cresce più e ha persino ingranato la retromarcia per quanto riguarda le riforme. Alla fine, la crisi dell’eurozona ha colpito anche la “locomotiva tedesca”. Difficile ergersi a modello virtuoso con questo andamento deludente.
http://www.rivistaeuropae.eu/politica/merkel-e-le-lezioni-che-non-puo-piu-dare/

LA REPUBBLICA
13 Dicembre 2014
Weidmann: “Caro Draghi, acquistare titoli di Stato è un invito a indebitarsi. L’Italia sia responsabile”
A proposito di acquisto di titoli sovrani nell’eurozona (valutato e non escluso dal presidente della Bce Draghi), il presidente della Bundesbank, Weidmann, ha dichiarato in un’intervista a Repubblica: “in Europa abbiamo una politica monetaria comune ma con 18 Stati, politiche finanziarie indipendenti e rating sui debiti sovrani ben diversi, e in questo caso si può creare un incentivo a indebitarsi di più scaricando le conseguenze sugli altri”.
http://www.repubblica.it/economia/2014/12/13/news/jens_weidmann_caro_draghi_sbagliato_acquistare_titoli_di_stato_un_invito_a_indebitarsi_l_italia_sia_responsabile-102771498/

ADNKRONOS
14 Dicembre 2014
Accordo a Lima per ridurre i gas serra, Galletti: “Importante passo avanti”. Delusi gli ambientalisti
I negoziatori delle 196 nazioni del mondo riuniti a Lima per la Conferenza sul clima delle Nazioni Unite hanno raggiunto un accordo che impegnerà ciascun Paese a ridurre la propria quota di emissioni di gas serra. L’intesa raggiunta stabilisce un quadro entro il quale verrà poi siglato l’accordo conclusivo nel vertice di Parigi del prossimo anno. Per il ministro dell’Ambiente Galletti, si tratta di “un importante passo avanti verso Parigi”. Gli ambientalisti esprimono, invece, delusione per le conclusioni della Conferenza.
http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2014/12/14/clima-accordo-raggiunto-lima-legambiente-nulla-fatto_SjPyisE2pnMJza6ztt3xoL.html?refresh_ce

EUNEWS
15 Dicembre 2014
Katainen girerà i 28 Stati membri per spiegare il Piano Juncker: “Lavoriamo a ritmo serrato”
Un viaggio nei 28 Paesi membri per spiegare il piano di investimenti proposto dalla Commissione Juncker. A farlo sarà il vicepresidente dell’esecutivo comunitario, Katainen. “Stiamo lavorando a ritmo serrato per far affluire nuovi investimenti ad iniziative imprenditoriali a corto di liquidità, alle start-up, agli investimenti infrastrutturali quali i trasporti o la banda larga nonché a nuove scuole e ospedali”, ha dichiarato Katainen. L’iniziativa parte oggi dalla Romania.
http://www.eunews.it/2014/12/15/katainen-girera-i-28-stati-membri-per-spiegare-il-piano-juncker-lavoriamo-a-ritmo-serrato/27188

EUROPA.EU
15 Dicembre 2014
In diretta: elezione del nuovo Mediatore europeo
Questo martedì 16 dicembre, i deputati eleggeranno il nuovo Mediatore europeo, il cui compito è indagare sui casi di cattiva amministrazione nell’ambito delle istituzioni europee. Unica candidata per la posizione è l’irlandese Emily O’Reilly. Il nuovo mandato del Mediatore europeo copre la legislatura 2014-2019. È possibile seguire il voto on-line sul nostro sito questo martedì alle ore 12:00.
http://www.europarl.europa.eu/news/fr/news-room/content/20141208STO83020/html/En-direct-%C3%A9lection-du-nouveau-M%C3%A9diateur-europ%C3%A9en

LA REPUBBLICA
15 Dicembre 2014
Arresto dei giornalisti, Erdogan all’Ue: “Si occupi dei fatti propri”
Non accetta le critiche. Si richiama allo stato di diritto. Il presidente turco, Tayyip Erdogan, ha esortato l’Ue ad “occuparsi dei fatti propri” in relazione alle critiche sugli arresti di decine di giornalisti compiuti ieri in Turchia. Contro l’operazione, che ha preso di mira i media ostili ad Erdogan hanno protestato Ue e Usa. Per l’Alto rappresentante della politica estera Ue, Federica Mogherini, gli arresti dei giornalisti e dei rappresentanti dei media “vanno contro i valori europei e gli standard a cui la Turchia aspira di fare parte”.
http://www.repubblica.it/esteri/2014/12/15/news/erdogan-102946655/?ref=HREC1-2

EUROPA.EU
15 Dicembre 2014
Commissione europea e Italia lanciano il primo Fondo fiduciario regionale UE in risposta alla crisi siriana
La Commissione europea e l’Italia hanno firmato oggi l’accordo costitutivo per lanciare il primo Fondo fiduciario regionale Ue, un nuovo strumento di finanziamento strategico per mobilitare più aiuti in risposta alla crisi siriana. Il finanziamento iniziale previsto ammonta a 20 milioni di euro dal bilancio dell’Ue e 3 milioni dall’Italia come primo donatore. Ulteriori finanziamenti sono previsti per il 2015.
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-14-2664_fr.htm?locale=en

EUNEWS
15 Dicembre 2014
Studio del Parlamento Ue: profonde divergenze tra Paesi Brics, fattore da sfruttare
I Paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) sono profondamente divisi tra loro, l’Europa dovrebbe approfittare di questa debolezza delle economie emergenti procedendo con una politica di accordi e partenariati separati così da evitare una competizione che vedrebbe altrimenti l’Ue perdente. È il consiglio che il Parlamento europeo dà a Commissione e Stati membri raccomandando di “tenere incontri regolari tra l’Unione europea e i singoli Paesi Brics”.
http://www.eunews.it/2014/12/15/studio-del-parlamento-ue-profonde-divergenze-tra-paesi-brics-fattore-da-sfruttare/27185

EUROPAE
15 Dicembre 2014
Tessera Professionale UE, dal 2016 più mobilità per i professionisti
Si avvicina il completamento di un altro tassello del mercato unico: a partire dal 2016, sarà infatti più facile per i liberi professionisti europei trasferire, anche temporaneamente, la propria attività in un altro Stato membro. Nello specifico, la Tessera Professionale europea nasce con l’obiettivo di agevolare il riconoscimento delle qualifiche professionali all’interno dell’Unione, attraverso il coinvolgimento delle autorità competenti in tutti e ventotto gli Stati membri e l’utilizzo di procedure elettroniche.
http://www.rivistaeuropae.eu/diritto/tessera-professionale-ue-dal-2016-piu-mobilita-per-i-professionisti/

ANSA
15 Dicembre 2014
Siria: Ue cambia strategia, coinvolge Russia, Iran e Arabia
L’Ue decide un cambio di strategia nella crisi siriana. La novità emerge dal Consiglio Esteri in cui i ministri dei 28 hanno concordato che l’Ue è “pronta ad impegnarsi con tutti gli attori regionali e internazionali che hanno influenza sulle parti in Siria”. “Obiettivo dell’Ue e della comunità internazionale” è “far sì che si arrivi ad una Siria senza Assad e senza l’Isis”, ha chiarito l’Alto rappresentante Federica Mogherini. Per far ciò, occorre il sostegno di Arabia Saudita, Russia, Iran.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/12/15/siria-ue-cambia-strategia-coinvolge-russiairan-e-arabia_41484c37-aa1e-4017-8944-26f9df0d22cd.html

LA REPUBBLICA
15 Dicembre 2014
Europa, non solo bilanci. Un passo verso l’unità sui diritti
L’Europa è pronta a dotarsi di un sistema per garantire il rispetto dello stato di diritto, dei principi fondamentali e della democrazia all’interno dei suoi ventotto paesi soci. Un salto avanti verso la realizzazione di una vera Unione politica che salvo sorprese verrà spiccato domani a Bruxelles. Saranno i ministri delle politiche europee riuniti nel Consiglio Affari generali a dare il via libera all’iniziativa portata avanti dalla presidenza italiana dell’Unione.
http://www.repubblica.it/esteri/2014/12/15/news/europa_non_solo_bilanci_un_passo_verso_l_unit_sui_diritti-102971349/

EUNEWS
16 Dicembre 2014
Russia in difficoltà: crolla il valore del rublo e l’Ue minaccia nuove sanzioni
Alla vigilia del Consiglio europeo, la situazione sul fronte delle relazioni Ue-Russia si fa sempre più delicata. A Mosca procede vertiginosa la svalutazione del rublo come conseguenza del calo del prezzo del petrolio deciso dai paesi produttori (Opec) e dei blocchi commerciali imposti da Bruxelles. Mentre da Bruxelles, i capi di governo sono pronti a discutere nuove sanzioni alla Russia “se necessarie” al prossimo Consiglio europeo, visto il perdurare degli scontri nell’est ucraino.
http://www.eunews.it/2014/12/16/russia-in-difficolta-crolla-il-valore-del-rublo-e-lue-minaccia-nuove-sanzioni/27283

EURACTIV
16 Dicembre 2014
Commercio: Eurostat, surplus cresce in Ue e Italia
A ottobre 2014, i paesi dell’Eurozona hanno registrato un surplus commerciale con il resto del mondo pari a 24 miliardi di euro, in crescita rispetto allo stesso periodo del 2013. A dirlo sono i dati pubblicati da Eurostat. Tra i paesi Ue, l’Italia è terza per surplus commerciale registrato tra gennaio e settembre 2014. I dati mostrano anche che tra gennaio e settembre 2014, le esportazioni dei 18 paesi dell’Eurozona verso la Russia sono diminuite del 14% su base annua, a causa dell’embargo di Mosca.
http://www.euractiv.it/it/news/economia-finanza/10487-commercio-eurostat-surplus-cresce-in-ue-e-italia.html

EUROPA QUOTIDIANO
16 Dicembre 2014
Juncker: la Commissione Ue si concentrerà su crescita, lavoro e fisco
«Le grandi priorità dell’Europa sono la crescita e l’occupazione. Noi intendiamo limitare da 130 a 23 il numero delle nuove iniziative nel 2015 e orientarle sul programma di investimenti da 315 miliardi di euro» annunciato a novembre, oltre che sulla fiscalità, ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel suo discorso davanti al Parlamento europeo riunito martedì in seduta plenaria a Strasburgo.
http://www.europaquotidiano.it/2014/12/16/juncker-la-commissione-ue-si-concentrera-su-crescita-lavoro-e-fisco/

EUROPARLAMENTO
16 Dicembre 2014
Apertura della plenaria a Strasburgo: Martin Schulz sconvolto dalla repressione dei media in Turchia
All’apertura della sessione plenaria di dicembre, il Presidente del PE Martin Schulz ha detto di essere rimasto sconvolto dalla notizia dei raid di ieri in Turchia contro i media d’opposizione. Ha ricordato anche che la libertà di stampa e il pluralismo dei media sono valori fondamentali dell’UE. “Prendiamo i nostri negoziati con la Turchia in quanto paese candidato molto seriamente”, ha detto, “e dobbiamo quindi sottolineare i problemi così come i progressi”.
http://www.europarl.it/it/succede_pe/news_2014/dicembre_2014/strass_open_session_dec.html;jsessionid=84411DD2AFD77D6CE76E52F38A642BD4

ANSA
16 Dicembre 2014
Aeroporti: Corte Conti Ue, fondi non sempre usati bene
La Corte dei Conti Ue, in una relazione che prende in esame Italia, Spagna, Grecia, Polonia e Estonia ha sostenuto che i progetti “finanziati dalla Ue per gli aeroporti non assicurano sempre un impiego ottimale delle risorse”. Il problema “cruciale” per l’Italia è “la mancanza di coordinamento per la connessione ferroviaria”. Ma evidenzia T’Joen, capo degli auditor, “le autorità italiane sembrano aver compreso il problema” ed essere intenzionate ad intraprendere delle azioni nel periodo 2014-2020.
http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/12/16/aeroporti-corte-conti-ue-fondi-non-sempre-usati-bene_a9be183a-061c-4818-a1b3-d86d8e0d1d3f.html

HUFFINGTON POST
16 Dicembre 2014
Matteo Renzi prepara la battaglia in Europa per gli investimenti fuori dal patto di stabilità. Gelo della Ue: “Le regole non si cambiano”
Matteo Renzi si prepara alla battaglia in Ue per spuntare la flessibilità con la ‘F’ maiuscola: gli investimenti per le grandi opere ‘scorporati’ dal Patto di stabilità e crescita. “Le regole sono regole e non possiamo cambiarle. Se Renzi lo vuole fare deve inserirlo nel dibattito del Consiglio”, avverte il braccio destro di Juncker, Timmermans. Parole che rimbalzano tra Roma e Bruxelles alla vigilia di un Consiglio Europeo, quello di giovedì e venerdì, che vedrà i 28 entrare nel merito del piano Juncker, dove Renzi è intenzionato a mostrare i muscoli.
http://www.huffingtonpost.it/2014/12/16/matteo-renzi-investimenti_n_6335446.html?utm_hp_ref=italy

LA TRIBUNE
17 Dicembre 2014
La transizione energetica può salvare l’economia europea?
La soluzione proposta per favorire la ripresa economica in Europa è radicale e ha il merito dell’originalità: innescare uno shock sul prezzo del carbonio. Diversi scenari sono proposti, il più offensivo è fissare una tassa di 100 euro per ogni tonnellata di CO2. Secondo gli economisti europei che hanno partecipato alla stesura dell’analisi annuale della crescita indipendente, uno shock sul prezzo del carbonio consentirebbe di innescare una massiccia ondata di investimenti in grado di stimolare le economie europee e accelerare la transizione energetica. Realizzabile?
http://www.latribune.fr/actualites/economie/union-europeenne/20141217tribf0caedf01/la-transition-energetique-peut-elle-sauver-l-economie-europeenne.html

EL PAIS
17 Dicembre 2014
La Corte europea annulla la definizione di Hamás come gruppo terroristico
La Corte europea ha inferto un duro colpo ai Paesi membri annullando la decisione che l’Ue adottò nel settembre 2003 di includere l’organizzazione palestinese Hamás nella lista dei gruppi terroristici. L’inclusione di Hamás in tale lista ha portato al congelamento di tutti i fondi destinati a tale organizzazione e il costante aggiornamento di membri appartenenti ad essa per impedire l’ingresso nel territorio dell’Ue.
http://internacional.elpais.com/internacional/2014/12/17/actualidad/1418809308_848116.html

EUNEWS
17 Dicembre 2014
Marò, Mogherini avvisa l’India: “Inciderà su nostre relazioni”
La suprema corte indiana ha respinto la richiesta avanzata da Salvatore Girone di tornare a casa per trascorrere il Natale, e da Massimiliano la Torre per estendere il periodo di cura in Italia. “Una scelta deludente”, ha dichiarato l’Alto rappresentante per la politica estera Ue, che avverte: “La questione ha il potenziale di influenzare il complesso delle relazioni Ue-India”. Da Bruxelles assicurano che l’Ue continuerà a seguire il caso dei due militari in contatto con le autorità italiane per mettere la parola fine a questa questione.
http://www.eunews.it/2014/12/17/maro-mogherini-avvisa-lindia-incidera-su-nostre-relazioni/27385